Il carisma della Congregazione dei Missionari della Fede

Noi, Missionari della Fede, chiamati da Dio a vivere in questa Congregazione ci accingiamo a riscoprire, illuminare, purificare e confermare l’autentico carisma e spiritualità e le finalità della nostra vocazione alla luce dell’abbondante insegnamento del Vaticano II e del Magistero ordinario sulla vita consacrata, con la gioiosa e responsabile libertà che lo stesso Santo Spirito comunica ai nostri cuori.

Il nome “Missionari della Fede” esprime il carisma d’inizio e la particolare spiritualità della nostra Congregazione e determina le finalità o campi di impegno nella Chiesa. Siamo “convinti che il ministero dedito ad aiutare i fratelli, soprattutto sacerdoti, a perseverare nella Fede cattolica e negli impegni ad essa propri, a vivificare la propria vita di Fede se languente, a ritrovare se smarrita, a raggiungere la piena professione della Fede se solo parzialmente accolta, è servizio di singolare vantaggio per la Chiesa”.

Missione e Fede fondano, caratterizzano e contraddistinguono il carisma e la spiritualità di questa nostra Congregazione e le relative esigenze di vita nello Spirito e di ascesi autentica e continua, che si concretizza nella “totale rinunzia e il radicale distacco” per vivere “in vero e continuo stato di abbandono filiale alla volontà del Padre celeste e di profonda unione con Lui” in Cristo Gesù per l’azione dello Spirito Santo, ed essere disponibili alle esigenze della missione.

Tutti i battezzati sono “missionari” e vivono di “fede” in forza della grazia, fonte del Battesimo che li unisce tutti al mistero di Cristo e alla missione da Lui ricevuta dal Padre e compiuta offrendo “con uno Spirito eterno se stesso senza macchia a Dio”.

Noi, entrati in questa Famiglia religiosa per uno specifico invito e grazia, dedichiamo tutta e per sempre la nostra vita, per mezzo della professione dei consigli evangelici, unendoci alla missione di Cristo nella Chiesa, e vivendo nella fede fino all’eroismo con tale ricchezza e profondità da poter confermare in essa i fratelli, soprattutto i sacerdoti, e partecipare all’attività ecumenica per l’unità dei credenti in Cristo e al dialogo tra le religioni, fino ai confini della terra.

Nella Fede riconosciamo nel Padre, che ha mandato il Figlio, la prima fonte della missione. Dal Figlio, il Signore Gesù, per mezzo il suo Spirito, che egli ci invia, riceviamo attraverso la Chiesa la partecipazione alla missione propria della nostra vocazione.

La nostra spiritualità resta segnata dal mistero della SS. Trinità, che poniamo per questo Titolare della nostra Famiglia Religiosa; dal mistero di Cristo Salvatore che adoriamo apostolo e Sommo Sacerdote della fede che professiona; e dal mistero della Chiesa, nella quale la nostra professione dei consigli evangelici sale gradita a Dio e alla cui vita vogliamo partecipare attivamente.

La comunione ecclesiale riflesso dalla comunione-unità Trinitaria e vissuta nella docilità ai Pastori, scelti dallo Spirito Santo, si riversa nella comunione delle nostre comunità e di tutta la Congregazione per mezzo dello stesso Spirito che ci è dato e ci chiama e ci sostiene in questa particolare via di Missinari della Fede.

Conforme al nostro carisma di fondazione “Fede e Missione“, ci sentiamo impegnati nel cammino verso la santità nella pienezza della carità; vogliamo che le comunità siano il luogo in cui ci si forma e si vive una vita autenticamente contemplativa e attiva; e si cresce fino a raggiungere la piena maturità in Cristo; ci si prepara alle missioni anche le più difficili; si dà testimonianza vivente che Gesù è il Signore a gloria di Dio Padre.